La potizza alle noci

La potizza è un dolce rustico ricco e genuino.

La potizza si può realizzare con diverse farciture, anche salate. Questa volta vediamo la versione più famosa, quella alle noci.

 

 

La ricetta per l'impasto:

600 g di farina,

un cucchiaino di sale,

20 g di lievito,

20 - 50 g di zucchero,

50 - 100 g di burro,

2-3 tuorli d'uovo,

300 ml di latte,

la scorza grattuggiata di un limone, due cucchiai di rum o di grappa.

  

 

Innanzitutto facciamo attenzione che tutti gli ingredienti siano a temperatura ambiente. Quindi sbricioliamo il lievito in 100 ml di latte tiepido e aggiungiamo un cucchiaino di zucchero. Quindi scaldiamo il restante latte con il burro, lo zucchero e il sale. Setacciamo la farina all'interno di una grande ciotola e versiamo al centro il lievito. Aggiungiamo il resto degli ingredienti vicino al bordo della ciotola. Lavoriamo l'impasto finchè si stacca facilmente dalla ciotola. Copriamo con un tovagliolo e lasciamo lievitare a temperatura ambiente. Dopo circa un'ora rivoltiamo l'impasto sul piano di lavoro, coperto da un telo da cucina e stendiamo delicatamente col mattarello, senza tirarlo troppo. 

 

 

 La farcitura alle noci:

 100 g di burro,

3 tuorli d'uovo,

100 - 200 g di zucchero,

la scorza grattuggiata di un limone,

4 cucchiai di panna fresca,

1 l di noci tritate,

2 albumi montati a neve.

Sbattiamo il burro con i tuorli d'uovo e lo zucchero. Aggiungiamo la panna, metà delle noci e delicatamente amalgamiamo anche gli albumi a neve. Spalmiamo la farcitura sull'impasto steso e poi aggiungiamo il resto delle noci. Facciamo attenzione a spalmare la farcitura su tutta la larghezza dell'impasto, quindi arrotoliamo ben stretto e trasferiamo nello stampo imburrato. Possiamo utilizzare uno stampo rotondo, un tegame diritto largo ca. 25 cm e alto 10 cm (senza maniglie di plastica) o uno stampo rettangolare. Prima di infornare spalmiamo la superficie con del tuorlo d'uovo.

Mettiamo in forno preriscaldato a 220 °C, dopo venti minuti abbassiamo la temperatura a 180 °C. In totale andrebbe cotta per un'ora e 30 minuti. Nel caso la potizza diventi troppo scura prima della cottura ultimata, dobbiamo coprirla con un foglio di carta d'alluminio. Al contrario, se stenta a colorarsi, prolunghiamo la cottura evitando di aprire il forno inutilmente.

 

  

A cottura ultimata lasciamo raffreddare nello stampo. Una volta che l'abbiamo tolta dallo stampo possiamo cospargerla con dello zucchero a velo.

Buon appetito!

CasaTrend
26. mar 2012

Collegamenti


La potizza al dragoncello

Dolci pasquali, la treccia

Idee per i dolci autunnali a base di castagne

Una ricetta semplice e veloce per il dessert

La torta di potizza

Cupcake al cioccolato decorati con i garofani di crema

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+