Lo sciroppo di sambuco

Oggi si cucina! Lo sciroppo di sambuco, una delle cose migliori da fare in casa!

E dura anche a lungo, se ovviamente non sono io il consumatore. La ricetta va più o meno così:

 

 

Per qualche litro di sciroppo di sambuco procuriamoci:

 

  

Preparazione

Versate l'acqua nel pentolone, aggiungete lo zucchero e mescolate. Mettete sul fuoco e portate a bollitura. Ogni tanto mescolate in modo che lo zucchero sul fondo non attacchi. Quindi spegnete il fuoco e aspettate che il composto si raffreddi. Nel frattempo tagliate i limoni a fettine da 4- 5 millimetri. Quando lo sciroppo si è raffeddato, metteteci dentro un dito e assaggiate. Vi assicuro che se bevete questa roba, un diabete non vi scappa :) Comunque prendete i fiori di sambuco (senza insetti) e immergeteli nella miscela zuccherosa. Subito dopo metteteci anche i limoni e mescolate. Divertente, vero?

Bene, per oggi abbiamo finito. Coprite il pentolone, mettetelo a riposare in un luogo fresco per 24 ore.

 

 

Il giorno dopo la miscela risulta già ben profumata e dolce. Ovvio, si tratta pur sempre di uno sciroppo! Che cosa c'è ancora da fare? Ripescate le fette di limone e i fiori di sambuco, quindi spremete il succo delle fettine. Ora potete già assaggiare la bevanda, aggiungere dell'acqua e valutare se aggiungere l'acido citrico.
Prendete le bottiglie, lavatele con cura, asciugatele e scaldatele - il forno è il luogo migliore. Non occorre metterle per mezz'ora a 250, bastano 90 o 100°C, affinché muoiano tutti i batteri. Levatele dal forno e fatele raffreddare. Quindi con un imbuto e un colino o una garza versate lo sciroppo nella bottiglia.

Ecco fatto. Riempite le bottiglie e chiudetele bene. Se vi avanza un po' di sciroppo, consumatelo nell'arco di qualche giorno.

Lo sciroppo va riposto in un luogo fresco e lontano da fonti di luce, una volta aperto invece va tenuto in frigo.

I tempi di conservazione ... Almeno un anno, se non avete saltato qualche passo. Sono sicuro però che lo finirete prima, non preoccupatevi.

 

 

La ricetta è quella mia personale, perciò Ikea forse avrà una versione un po' diversa. Ma il risultato è molto simile.

Se qualcuno ha qualche ulteriore consiglio, mi faccia sapere. E ancora una piccola dritta: anche se vi mettete al lavoro domani, non è ancora troppo tardi. Badate però a raccogliere i fiori sulla parte dell'arbusto che sta più in ombra.


Testo: Klemen B

Idea, foto e styling: MatejaD

CasaTrend
24. mag 2012

Collegamenti


Delle allegre zollette di zucchero per decorare la tavola

La lavanda in cucina, le idee per i rinfreschi estivi

Apparecchiare, decorare e gustare: idee per le feste estive in giardino

Decorazione per la tavola con le ciliegie

Idee per una festa in giardino diversa

I sottobicchieri fatti con gli avanzi di tessuto

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+