La drogheria Toso, un negozio d'altri tempi

Bauletti, scatole, vasi di vetro e sacchi - dall'era dei centri commerciali pieni di bagliori torniamo agli inizi del secolo passato.

Dopo aver passeggiato per il Borgo Teresiano, bevuto un eccellente caffè e assaggiato dei pasticcini alla crema, diamo ancora un'occhiata alle vie di Trieste - andiamo in una vecchia drogheria, che come una macchina del tempo ci riporterà indietro nel passato!

 

 

In piazza San Giovanni Bosco infatti intravvediamo una vetrina che attira la nostra attenzione. A prima vista assomiglia a tutte le altre che la circondano: una grande porta e una vetrina in legno, scritta bianca su fondo nero. Ma è la merce in esposizione che ci lascia a bocca aperta: spugne marine di ogni dimensione, cartelloni pubblicitari vintage e - un'antica attrezzatura da sommozzatore.

 

 

Il fatto che si tratti di una drogheria ci rende ancora più curiosi e ovviamente entriamo per curiosare.

 

 

Per prima cosa dobbiamo farci strada tra i clienti, che come pare sono sempre numerosi. Poi restiamo ammutoliti alla vista delle pareti. Gli scaffali sono alti fino al soffitto e su di loro file di recipienti di vetro, lattine, scatole ... Per non parlare dei vasi pieni di caramelle e infusi per tè da acquistare a peso.

 

 

La drogheria Toso è stata aperta dal suo fondatore Vittorio Toso nel 1906. Da allora offre ossidi per i decoratori, saponi, spezie e spugne marine.

 

 

L'arredamento originale che risale all'epoca dell'apertura è una delle sue peculiarità: gli infissi, gli scaffali, le cassettiere, il pavimento e le scale non sono cambiati da oltre un secolo.

 

 

I suoi proprietari Nadia e Mauro Kosmina non esitano a raccontare del proprio amore per questo negozio e per il modo di fare commercio che esige. Mentre nei negozi moderni prevale il self service, qui le cose si chiedono al negoziante che mette a disposizione del cliente la propria esperienza. Nella drogheria Toso infatti si può acquistare la merce al dettaglio - gli ossidi per i colori vengono messi in sacchetti di carta, le spazzole vengono tenute in scatole di legno.

 

 

Qui si trovano numerosi articoli che altrove è difficile trovare.

 

 

Il tavolato di legno, le scale, la bilancia - siamo ancora capaci di ricordarci dei vecchi negozi di cui così spesso leggiamo nella letteratura del secolo passato?

 

 

Una visita alla Drogheria Toso solleverà il velo del tempo e ci permetterà di respirare l'atmosfera dei vecchi negozi dove la merce non era ancora rinchiusa in confezioni ermetiche e le caramelle erano messe ben in mostra nei grandi vasi di vetro. Beh, forse potrei comperare qualche caramella con quegli spiccioli che mi sono avanzati dal caffè? E i ricordi come in un racconto di Proust ritornano indietro di vent'anni, quando andavamo a cercare per casa gli spiccioli dimenticati da chissà quanto tempo, per poter comprare le caramelle frizzanti nella drogheria accanto alla fermata dell'autobus. Già, come cambiano i tempi!

 

 

Sono stati dei ricordi simili ai miei a portare i proprietari a rilevare questo negozio così particolare. E il loro amore per questa storia affascinante ha convinto anche i clienti, che apprezzano il loro negozio venendoci anche da lontano!

CasaTrend
22. apr 2011

Collegamenti


Le vendite in garage e i mercatini delle pulci

Trieste, la città del caffè

Visitare Trieste, la signora sull'Adriatico

La Bomboniera, una pasticceria storica

Il mare, la pietra, la gente: Santa Croce o Križ presso Trieste

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+