Sicilia, maestosità e scorci quotidiani

La Sicilia che da sempre è stata oggetto di forte contesa per la sua posizione geografica e per la fertilità della sua terra, cela nelle sue città un patrimonio storico e artistico inestimabile con viste e panorami mozzafiato.

Nonostante ciò purtroppo quando nominiamo la Sicilia le nostre idee si dirigono più sulle immagini della cronaca nera che su quelle dei libri di storia dell'arte. I fatti tragici e amari della cronaca s'intrecciano con la quotidianità di tutti i siciliani, l'intreccio dei rapporti tra la politica, l'economia e la criminalità organizzata paralizza qualunque tentativo di sviluppo e rappresenta un'ostacolo insormontabile per tutti coloro che vorrebbero realizzarsi attraverso il proprio lavoro. In molti si adeguano, altri invece scelgono la partenza. Chi ha lasciato la propria terra non riesce a dimenticare che la Sicilia cela enormi potenziali di cui potrebbero vivere tutti, ma che nonostante ciò da decenni se non secoli poco si è fatto. E soprattutto si rende conto che la soluzione non può arrivare (solo) dall'alto.

Noi ci siamo messi in viaggio per scoprire le bellezze della Sicilia del nord e abbiamo scelto Cefalù come base da cui metterci in viaggio ogni giorno.

Palermo, pioggia.

 

Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
Nelle strade della capitale dell'isola e nella sua gente si rispecchiano le tracce del suo passato: occhi color ghiaccio che spuntano sotto chiome corvine, parole arabe che si mescolano a espressioni derivanti dal francese, volte barocche e sinuosità liberty che si sono affiancate alla rigorosità delle geometrie elleniche. Colonnati punici, cupole islamiche, giardini e fontane, palazzi opulenti e chiese maestose, governatori spietati e numerosi esempi di santi luminosi: Palermo è come una sintesi di Mediterraneo. Una sintesi molto intensa.
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
La nostra strada è continuata verso Piazza Armerina, nota in tutto il mondo per la sua villa romana in cui si possono ammirare dei mosaici incantevoli. Anche qui siamo stati accompagnati dalla pioggia, resa più colorata anche dall'onnipresente Ape.
  
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
Finalmente il sole. Ecco il duomo di Cefalù ritratto da una prospettiva un po' insolita. I suoi campanili sono in realtà due torri diverse l'una dall'altra: la più alta simboleggerebbe la mitria papale e il potere della Chiesa, mentre l'altra, più bassa e con i merli ghibellini, la corona reale e il potere temporale. La costruzione del duomo si svolse a più riprese con numerosi cambi di progetto, come si nota dalla varietà di soluzioni ancora visibili all'esterno. 
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
La città di Cefalù pullula di resti archeologici di varia origine, edifici mirabili, vie suggestive, ma purtroppo anche molta edilizia sregolata che degrada, qui come altrove, la bellezza dell'architettura locale.
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani 
   
Nella parte occidentale dell'isola abbiamo visitato anche Segesta, un'altra delle città antiche della Sicilia. L'antica città, oggi disabitata, ci ha affascinati con il suo silenzio che ha fatto risplendere il tempio nei colori della primavera. L'antico e imponente anfiteatro accoglie ogni estate delle suggestive rappresentazioni di tragedie greche.
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
Poco lontano incontriamo la città di Erice, arroccata sul monte san Giuliano che sovrasta Trapani. Erice, anch'essa fondata dagli Elimi, fu nell'antichità una famosa città santa, nota in particolare per il suo tempio dedicato a Venere. Il culto veniva praticato da giovani sacerdotesse e la fama di Venere Ericina divenne tale che le venne dedicato un tempio anche a Roma ed il suo culto si diffuse in tutto il Mediterraneo. I resti del tempio stanno tuttora affiorando alla luce nei meandri della città che oggi è nota soprattutto in veste di suggestivo borgo medievale.
Immaginiamo la magia delle serate estive, durante le quali si svolgono concerti di musica medievale. La città dista daTrapani 15 chilometri e la si può raggiungere con una comoda funivia.
Che tentazione farvi un salto, ora che Trapani si può raggiungere comodamente con i collegamenti lowcost di Ryanair.
 
Sicilia, maestosità e scorci quotidiani Sicilia, maestosità e scorci quotidiani 
 
Come fare a meno di visitare anche la mondana Taormina? Dopo i letterati nordici come Goethe e Mountpassant che la visitarono fu Lady Florence Trevelyan a segnare la svolta turistica di Taormina, giuntavi dopo l'esilio seguito allo scandalo alla corte reale inglese. La sua presenza attirò numerosi artisti, illustri personaggi e teste coronate, ma ben più del paesaggio ridente divennero famose le notti trasgressive degli ospiti della città.
La dolce vita continuò sino al terremoto del 1968 quando un'ondata di panico fece temere agli albergatori che il turismo d'elite fosse ormai giunto alla fine, aprendo la strada alla speculazione edilizia. Sino alla fine del XX secolo la città rischiò il degrado col turismo di massa ed è appena negli ultimi dieci anni che si sta facendo marcia indietro.
 
 Sicilia, maestosità e scorci quotidiani
 
E che dire dei siciliani di oggi? Noi ci siamo sentiti accolti da gente che comunque non ha dimenticato che cos'è l'appartenenza. A volte in questa terra ci lasciano senza parole l'apparente immobilità, la rassegnazione che niente mai riuscirà a cambiare (eppure i siciliani nella loro storia hanno già dimostrato di saper reagire con vigore), le storie di ordinaria delinquenza. 
 
 Sicilia, maestosità e scorci quotidiani

 

Nonostante ciò ci rendiamo conto che questo è un popolo che non si è fatto ancora prendere dalla frenesia, che apprezza i legami familiari e non rinuncia ad esprimere il proprio affetto attraverso la buona tavola. Tutto ciò ci rincuora riguardo al futuro di quest'isola che davvero meriterebbe un'era di riscatto dal passato.

FOTO: Janez Zalaznik

CasaTrend
2. ago 2011
modificato 17. ago 2011

Collegamenti


L'estate trasognata delle finestre veneziane

Il giardino in fioriera 19: gli alberi e gli arbusti fioriti

L'isola di Brac, una fusione di bellezze naturali e patrimonio storico

La drogheria Toso, un negozio d'altri tempi

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+