Le serre reali di Laeken in Belgio

Quando i re hanno voglia di un piccolo giardino invernale.

Laeken (Les Serres royales de Laeken) è una tenuta della famiglia reale belga nella zona nord di Bruxelles. I 160 ettari della superficie del parco comprendono un lago, la residenza reale, padiglioni e annessi all'interno della tangenziale cittadina. Il parco all'inglese si estende comunque anche al di fuori delle mura, dando forma al parco cittadino a cui possono accedere libermanente anche i comuni cittadini.

Le serre reali di Laeken in Belgio

Il palazzo di Laeken è stato oggetto di numerosi passaggi di proprietà, passando da mani austroungariche a quelle di Napoleone, mentre nel 1815 ne è entrata in possesso la casa reale olandese. Dopo la proclamazione dell'indipendenza belga del 1830 il palazzo ai margini della capitale è diventato la residenza ufficiale della monarchia dei Coburgo.

Un velo di sangue

Il palazzo è stato poi completato e modernizzato dal re Leopoldo II (1835-1909) che vi fece erigere anche un'enorme serra invernale. Nella prima metà dell'800 infatti il Belgio rappresentava già una potenza industriale, seconda solo all'Inghilterra. Molte delle sue ricchezze provenivano dalle colonie nel bacino del fiume Congo. Purtroppo il sovrano è molto più noto alla storia per lo sfruttamento delle risorse naturali e per il terrificante sterminio delle popolazioni indigene nelle colonie che per i suoi giardini invernali. Nonostante il successo sono numerosi i palazzi cittadini risalenti all'epoca del suo regno ad essere coperti un invisibile velo di sangue.

Le serre reali di Laeken in Belgio


Il complesso delle serre reali è stato portato a termine dal 1874 al 1905 e solo l'Orangerie è stata eretta già agli inizi dell'800. Le enormi cupole in ghisa sono state progettate dall'architetto Alphons Balat e dalle loro forme sinuose ha preso spunto il nuovo stile del liberty. Trattandosi di una novità nel campo della tecnologia, il re preferì ordinare prima una struttura di minori dimensioni per ospitare la ninfea gigante (Victoria amazonica), proveniente dal bacino del Rio delle Amazzoni. La serra prese perciò il suo nome, diventando la serra di Vittoria. La costruzione venne resa possibile dal progresso tecnologico originato dalla prima industrializzazione, con cui si incominciò ad erigere strutture in metallo e vetro e a riscaldarle a vapore. Le sagome delle cupole segnano un andamento simile a quello delle colline nei dintorni e vanno a ornare l'adiacente palazzo neoclassico come un leggero pizzo di Bruges.

In mezzo alle palme

Entrate ora nella tenuta attraverso il sontuoso ingresso. Il personale vi indicherà subito la direzione delle serre in quanto le altre zone e il palazzo non sono accessibili al pubblico. Se possibile, visitate le serre il tardo pomeriggio o la sera di una giornata con il cielo terso, in modo da non soffrire troppo il caldo delle serre e godere della bellissima luce crepuscolare. 


Le serre reali di Laeken in Belgio


Innanzitutto dirigetevi verso la grande Orangerie dove un tempo si coltivavano i limoni e le arance per la famiglia reale. L'edificio ha una lunghezza di ben 97 metri, una larghezza di 13 e un'altezza di 8 metri. Le orangerie sono diventate un must dell'aristocrazia dal '500 in poi. Si trattava di edifici molto semplici con ampie finestrature e un'orientamento a sud. Oltre ad avere una funzione utilitaria, spesso svolgevano anche un ruolo di rappresentanza e vi venivano allestite cerimonie, concerti e rappresentazioni teatrali.

Nell'Orangerie potrete ammirare degli enormi vasi con alberi di alcuni metri, pieni di profumatissimi fiori bianco cera e di frutta. Accanto a loro fioriscono anche delle camelie. Dato però che questo tipo di edifici non risponde alle esigenze delle piante tropicali che in questa parte dell'emisfero necessitano di protezione anche durante la bella stagione, e che le palme hanno rappresentato un must del '900, passiamo all'enorme serra del Giardino invernale. Con le due serre che collegano l'Orangerie e la Serra del Congo questa struttura ricopre ben 2400 metri quadri di superficie ed è composta da ben 5090 metri quadri di vetro. La cupola di ghisa e vetro si regge su 36 imponenti colonne di ferro, ha un diametro di 41 metri e raggiunge i 25 metri d'altezza. Tenendo conto dei passaggi perimetrali il diametro della serra raggiunge ben 57 metri di larghezza.

I corridoi di collegamento

Le enormi serre ricoprono ben 1,5 ettari di superficie. Le enormi cupole si susseguono una dopo l'altra, alternandosi a quelle più piccole e ai numerosi corridoi. Al loro riparo troviamo diverse piante in vaso. Gli incroci dei corridoi sono accuratamente decorati con nicchie e statute, arricchite da monumentali vasi in ceramica o in pietra.

 

Le serre reali di Laeken in Belgio

 

Durante la nostra passeggiata giungiamo all'ingresso con una piattaforma panoramica con la città sullo sfondo. Alla sinistra si susseguono le pergole con i rosai, davanti a noi dei tassi potati a forma di sfera, mentre dietro di noi si estende un laghetto artificiale in cui si rispecchia una torre giapponese del 1900.

A pagare sono i cittadini


Un complesso del genere comporta ovviamente delle spese di manutenzione davvero ingenti - e secondo la cronaca il re dei Belgi sarebbe il più povero tra tutti i monarchi europei, ammontando il suo patrimonio a "soli" 12 milioni di euro. La ghisa e i vetri della struttura si crepano, chi ne pagherà le spese?!? Il restauro viene finanziato dallo Stato in quanto la famiglia reale non dispone di risorse sufficienti. Non dobbiamo dunque stupirci se la popolazione viene a verificare di persona dove va a finire il suo denaro. Nel periodo delle porte aperte infatti i fantastici giardini vengono invasi da una folla trasognata. Nonostante un occhio attento riesca tuttavia a scorgere qualche parte arrugginita, lo stato rigoglioso della vegetazione e le cascate di fiori conquistano l'attenzione di tutti i visitatori. E dove questo non dovesse bastare, ecco delle magnifiche composizioni floreali in stile classico. Ma delle piante vi parlerò nel prossimo articolo, a presto!



L'apertura delle Serre reali di Laeken è prevista per il periodo che va da
domenica 15 aprile 2012 a martedì 1 maggio 2012 (chiuso il lunedì).
Si entra dall'ingresso principale del palazzo reale a Laeken in Avenue du Parc Royal.

Il prezzo del biglietto d'ingresso è contenuto.

Mirjam

CasaTrend
16. gen 2012

Collegamenti


L'automobile e il giardino: un connubio impossibile?

Un giardino di campagna che ci riporta indietro nel tempo

Arredare una casa senza cancellarne le tracce del tempo: l'esempio del Belgio

La fiera di giardinaggio per i nobili d’animo

Il giardino in fioriera 18: alberi e arbusti in vaso

Il giardino in una fioriera, 7a parte: le piante da frutta nel vaso

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+