Il mercato, oltre la solita spesa

Stufi dell'omologazione dei centri commerciali, abbiamo sfidato il freddo e siamo andati a goderci una mattinata invernale al mercato.

Il mercato è spesso uno dei punti più caratteristici di una città, dove si respira la vita della sua gente, si trovano i prodotti di stagione e la merce di fattura locale.

 

 

 Numerosi i mercati delle capitali del mondo che sono diventati delle autentiche attrazioni turistiche, basti pensare alla Boqueria di Barcellona, al Kauppatori di Helsinki, il Salone Grande di Budapest solo per citarne i più noti.

 

 

 Occasione d'incontro con i produttori locali e con gli agricoltori. Quand'è che avete potuto discutere del raccolto del radicchio rosso direttamente con chi lo coltiva?

 

 

 Piccoli oggetti d'artigianato, utensili da cucina e giocattoli in legno. Nel frattempo possiamo ammirare sulle bancarelle il sontuoso spettacolo della frutta invernale.

 

 

Guardarne i colori solari ci rilassa e ci rallegra.

 

 

Non è strano che le prime raffigurazioni della frutta risalgano ai tempi dell'Antica Grecia - guardate la tavolozza di colori delle mele.

 

 

 Se la bellezza della frutta ci sembra fin troppo facile da cogliere, passiamo ai colori e alle venature delle diverse varietà di cavoli.

 

 

 Il mercato ci offre uno sguardo diretto sulla frutta e sulla verdura di stagione che spesso i grandi supermercati ci rendono difficile cogliere, rifornendoci in tutte le stagioni di tutte le varietà provenienti dai punti più disparati del mondo.

 

 

 Forse avete la fortuna di passare accanto alla bancarella di una fioraia.

 

 

 Godetevi i colori dei tulipani e delle ginestre, la primavera in fondo non è più tanto lontana.

 

 

 La semplicità delle gemme del salice.

 

 

 Una possibilità per la città di entrare in contatto con la campagna. Il mercato vive e respira con la città, segue i suoi cambiamenti e si adatta.

 

 

 In molti mercati ormai troviamo ogni genere di merce, qualcosa di produzione locale e tante cose a buon mercato provenienti dall'Oriente.

 

 

 Al posto dei colori degli agrumi e dei porri troviamo i colori di svariate stagioni della moda.

 

 

 Uno sforzo variopinto che vorrebbe coprire il grigiore della solitudine e della povertà in cui sta versando una porzione sempre maggiore della popolazione delle nostre città.

 

 

 

Sono numerosi i turisti a cui piace sentire il polso della città anche nei mercati, che desiderano qualcosa di più dei monumenti e dei locali che li circondano.

 

 

Un intreccio di architettura, merci e persone. Dopo aver acquistato la spesa, possiamo sederci all'ombra di un colonnato.

 

 

La città vive con i suoi abitanti, con la loro vita quotidiano. E loro ne ricevono ispirazione e solidità, quella certezza emanata dalle creazioni dei loro antenati. Una sinergia tra lo spazio e la popolazione.

 

 

Viviamole, le nostre città.  A partire dalla spesa.

Le immagini ritraggono il mercato di Lubiana.

Foto: KB

CasaTrend
2. feb 2012

Collegamenti


Un sabato a Milano, la fiera di Sinigallia

Un sabato mattina a Milano

La drogheria Toso, un negozio d'altri tempi

Le vendite in garage e i mercatini delle pulci

La fiera di giardinaggio per i nobili d’animo

Il giardino in una fioriera, 7a parte: le piante da frutta nel vaso

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+