I gerani, la riproduzione per talea

I gerani si suddividono in diverse varietà: farfalla, edera, zonali e rosa.

Ai gerani sui nostri balconi e davanzali quest'anno di sicuro non è mancato il sole e ci hanno regalato delle ricche cascate di fiori, a patto di aver dato loro la giusta quantità d'acqua e di fertilizzante.

 

 

I gerani provengono dal Sud Africa e hanno fatto il loro ingresso in Europa passando per l'Inghilterra. Si dividono in diverse varietà, tra cui le più diffuse sono:

 

 

Siamo ancora in tempo per provvedere alle talee dei nostri gerani preferiti, in modo da avere a disposizione delle piante nuove per sostituire quelle che soccomberanno allo svernamento.

 

 

Scegliamo dei germogli sani, ben strutturati e con un coltellino pulito e ben affilato pratichiamo un'incisione sotto il terzo nodo. Il nodo è infatti ricco di ormoni della crescita. Eliminiamo i boccioli e i fiori, ancora meglio sarebbe scegliere dei germogli privi di fiori.

 

 

 Togliamo anche le foglie dal terzo nodo. Se le foglie superiori sono molto grandi, provvediamo ad ridurle di due terzi, in modo da limitare l'evaporazione.

 

 

Prepariamo il terriccio, bagnandolo bene. Prima di piantare le talee, possiamo anche immergerle negli ormoni radicanti, reperibili nei garden center più forniti.

 

 

Possiamo piantare le nostre talee in tanti vasetti piccoli oppure prevedere un vaso più grande in cui piantare diversi germogli, che però non devono toccarsi tra di loro. Per evitare che marciscano, le talee andranno piantate a non più di 1 o 2 cm di profondità.

 

 

La prima annaffiatura dovrà avvenire dopo una settimana, nel frattempo possiamo vaporizzarle con un po' d'acqua. Le piantine vanno posizionate in un luogo caldo e ben illuminato, ad una temperatura di ca. 20°C.

 

 


Quando le piantine sono ben radicate, emetteranno anche delle foglie nuove. A questo punto possiamo rinvasarle e spostarle in un luogo più fresco, luminoso e al riparo dal sole diretto. Facciamo attenzione a non bagnarle troppo, evitando tuttavia che il terriccio secchi completamente. Le lasceremo qui fino a fine marzo, quando procederemo a rinvasarle in vasi più grandi.

 

 

Le nostre piante andranno poi rinvasate ad aprile o a maggio, quando useremo delle fioriere più capienti.

 

 

Qualunque varietà abbiate deciso di moltiplicare, che sia il geranio comune, quello edera, zonale, rosa o parigino, auguriamo a tutti una fioritura grandiosa.

 

Foto e testo: Mojca Popelar

CasaTrend
9. ott 2012

Collegamenti


Il giardino in una fioriera, 9a parte: la scelta dello stile

Il giardino in una fioriera 1a parte: i consigli di base

Segnapiante fai da te per l'orto

http://La lavanda: la coltivazione, la potatura primaverile e la propagazione

Consigli per il rinvaso delle piante: le foto passo dopo passo

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+