Il giardino giapponese

Il giardino Kiyosumi a Tokio. La ricerca dell'equilibrio tra la cultura umana e la natura indomabile.

In questi giorni in cui il Giappone è stato colpito da un terremoto catastrofico e i nostri pensieri vanno alla popolazione provata, andiamo a vedere il giardino Kiyosumi a Tokio. Non si tratta di un giardino molto antico, infatti è stato creato dal 1878 al 1885. Il percorso ci porta attorno ad uno stagno con numerose isolette. Una delle particolarità del giardino è rappresentata ben 55 enormi rocce.

 

Il giardino giapponese

 

Il giardino giapponese è un dialogo tra la natura indomabile e la cultura umana. "Un millennio e mezzo di ininterrotto sviluppo nel Giappone ha portato ad alcune varianti di stilistiche che portano gli inconfondibili lineamenti del paese. Nei giardini giapponesi possiamo osservare anche un ampio spettro di approcci di design che vanno dai concetti naturalistici, vicini alle composizioni presenti in natura, fino ai concetti astratti e essenziali, come ad esempio i giardini secchi accanto ai tempi della setta buddista zen," dice D. Ogrin nella sua monografia sui giardini del mondo.

 

Il giardino giapponese

 

I giardini giapponesi non sono stati creati per produrre del cibo come invece spesso vale per i giardini mediterranei, ma hanno sempre voluto esprimere l'impegno dell'uomo a capire la natura, il ruolo da giocarci e il senso dell'essere. Si tratta di spazi ricchi di impressioni, chiusi e concepiti per la meditazione.

 

Il giardino giapponese

 

Che cos'è che notiamo noi occidentali quando entriamo in un giardino giapponese? L'importanza dele vedute. Infatti, nei punti da cui si gode di una particolare veduta, vengono previste delle apposite quinte costituite da materiali costruttivi, alberi e altre piante che impediscono la vista completa del giardino. Per vederlo dobbiamo camminare lungo il suo percorso che ci permetterà di crearci un'impressione.

 

Il giardino giapponese

 

I giardini sono progettati senza geometria, organicamente, l'ordine è simile a quello presente in natura. Nonostante la varietà degli elementi, la peculiarità dei giardini giapponesi rimangono gli spazi vuoti. "Ma" o spazio vuoto crea delle proporzioni tra le rocce, l'acqua e le piante, ci conduce con semplicità e umiltà ad un effetto di estetica essenziale.

 

Il giardino giapponese

 

I giardini giapponesi hanno il permesso di invecchiare. Infatti raggiungono la perfezione solamente quando l'acqua consuma le pietre e il muschio ricopre le rocce. Qualunque intervento dell'uomo deve restare invisibile. Durante il corso dei secoli i giapponesi hanno dovuto imparare a convivere con i fenomeni naturali che spesso si rivelano molto crudeli per l'uomo. Noi invece possiamo trarre da loro una lezione di collettività, collaborazione e pazienza. E di convivenza con la natura, anche nel caso della progettazione dei giardini.


Foto: www.gardenvisit.com, http://en.wikipedia.org/wiki, http://muza-chan.net/
Mirjam

CasaTrend
14. mar 2011

Collegamenti


Il giardino in fioriera, 12: giardini verticali o pensili, una soluzione per le pareti dei balconi

Le decorazioni per il giardino - quelle fai da te

Complementi e decorazioni per il giardino - quelli acquistati

Apparecchiare, decorare e gustare: idee per le feste estive in giardino

Decorare la tavola scoprendo i tipici sapori del Carso: il prosciutto e il vino terrano

Album

Camere da letto
Porte e ingressi
Giardini
Decorazioni fai da te
Spazi di lavoro
Cucine
Soggiorni
Camerette
Bagni

Articoli

Trend
Racconti per immagini
Idee fai da te
Architettura
Soluzioni
Foto fai da te
Abbiamo letto per voi
Casa e dintorni
Free prints

Concorso a premi

Ultimo
Archivio
Condizioni

Utenti

I più attivi
Gli utenti che hanno commentato di più


Accedi

Pubblicità

Prezzi
Offerta
Widgets
Media

Contatti

Note legali
RSS
© Copyright
Google+